top of page
  • SPa

il Panopticon 👁️

Aggiornamento: 14 feb


SPa


Cos’è il Panopticon

L'idea del panopticon è stata originariamente proposta dal filosofo e giurista Jeremy Bentham nel XVIII secolo come un modello di prigione ideale. La struttura del panopticon consiste in un edificio circolare con una torre centrale in cui un sorvegliante può sorvegliare i prigionieri senza essere visto. Questo design consente una sorveglianza costante e discreta, creando l'effetto psicologico del "panoptismo", ovvero la sensazione di essere sempre osservati, anche se non si sa se si è effettivamente sotto sorveglianza.


planimetria della prigione ideata da Bentham | Wikimedia Commons


Il panopticon è stato originariamente concepito come un mezzo per migliorare la efficienza e la razionalità nella gestione delle prigioni, ma si è rapidamente evoluto in un simbolo piÚ ampio della sorveglianza e del controllo sociale. Bentham sosteneva che l'effetto panottico avrebbe indotto i prigionieri a modificare il proprio comportamento in modo da conformarsi alle aspettative della società, ma la sua idea è stata criticata per la sua mancanza di rispetto per i diritti umani e la privacy.


il Panopticon nell’architettura

L'architettura del panopticon è stata utilizzata in diversi edifici nel corso della storia, sia per scopi penitenziari che per altri usi. Un esempio notevole di edificio panottico è la prigione di Pentonville a Londra, costruita nel 1842, che ha ispirato numerose altre costruzioni in tutto il mondo. Oggi, l'architettura del panopticon è ancora presente in molti edifici moderni, come gli edifici governativi e le strutture di sicurezza.

L'architettura del panopticon ha un impatto significativo sulla privacy e la sorveglianza. Il design panottico crea un senso di costante osservazione, che può avere un effetto intimidatorio e soffocante su chi vive o lavora all'interno dell'edificio. Inoltre, l'architettura del panopticon può essere utilizzata per nascondere la sorveglianza e il controllo, creando un senso di insicurezza e sfiducia nei confronti delle autorità.

Allo stesso tempo, l'architettura del panopticon può essere utilizzata per creare un senso di sicurezza e controllo, come nelle strutture di sicurezza e nei luoghi pubblici. Tuttavia, è importante considerare gli effetti psicologici e le implicazioni etiche dell'architettura del panopticon e valutare se i benefici della sorveglianza e del controllo valgono la perdita di privacy e libertà individuale. E in un certo senso un'idea economica di struttura, nel senso che la presenza stessa di un sorvegliante è praticamente superflua. PerchÊ è la sensazione del controllo che determina una sorta di autocontrollo sull'osservato. Le implicazioni filosofiche sono enormi: si noti la correlazione tra questa idea di organizzazione dello spazio e una certa idea oppressiva della religione.


il Panopticon nella societĂ  contemporanea

Il concetto di panopticon si riflette anche nella società contemporanea attraverso la tecnologia e l'uso dei dati. Con la crescente quantità di informazioni che condividiamo online e la diffusione della sorveglianza attraverso le telecamere e i dispositivi mobili, c'è una sensazione crescente di essere sempre osservati. A volte questa sensazione è reale, come nel caso delle aziende che raccolgono dati sui nostri comportamenti online per migliorare la pubblicità e i contenuti personalizzati, altre volte è solo una percezione, ma entrambi gli effetti sono comunque presenti.


copertina dell'album Panopticon del gruppo post-metal Isis


La società contemporanea è anche caratterizzata da una crescente preoccupazione per la sicurezza e la protezione, sia a livello individuale che a livello globale. Questo ha portato a una maggiore accettazione della sorveglianza e del controllo, sia da parte delle autorità che dei privati cittadini. Tuttavia, ci sono anche preoccupazioni per le implicazioni etiche e filosofiche di questa tendenza, tra cui la perdita di privacy e la limitazione delle libertà individuali.

In questo contesto, è importante considerare gli effetti del panopticon nella società contemporanea e valutare se i benefici della sorveglianza e del controllo valgono la perdita di privacy e libertà individuale. Inoltre, è importante promuovere una maggiore trasparenza e responsabilità da parte delle autorità e delle aziende che utilizzano la tecnologia per sorvegliare e raccogliere dati sui cittadini.



Da Bentham a Orwell

Il concetto di "panopticon" di Jeremy Bentham e il concetto di "grande fratello" nella famosa opera di George Orwell "1984" sono entrambi simboli del controllo e della sorveglianza nella societĂ . Bentham ha proposto l'idea di un edificio panottico, una prigione in cui un sorvegliante poteva osservare i prigionieri senza essere visto, creando l'effetto psicologico del "panoptismo", ovvero la sensazione di essere sempre osservati.

Orwell, d'altra parte, ha descritto una societĂ  totalitaria in cui il governo esercita un controllo totale sulla vita dei cittadini attraverso la sorveglianza costante e l'utilizzo della tecnologia. Il "grande fratello" rappresenta questo potere oppressivo e onnipresente del governo, che utilizza la tecnologia per controllare e manipolare la mente delle persone.


Unsplash


Entrambi i concetti sono stati utilizzati come metafore per rappresentare una società in cui la privacy e le libertà individuali sono sacrificate per il controllo e la sicurezza. Il panopticon di Bentham e il grande fratello di Orwell rappresentano la paura di una società in cui la sorveglianza e il controllo sono onnipresenti e in cui la libertà individuale è compromessa. Allo stesso tempo, entrambi i concetti rappresentano anche la preoccupazione per la sicurezza e la protezione, sia a livello individuale che globale. È importante considerare gli effetti psicologici e le implicazioni etiche di questi concetti e valutare se i benefici della sorveglianza e del controllo valgono la perdita di

privacy e libertĂ  individuale.


 

Un progetto dello studio che si rifà alla nozione di panopticon, ribaltandone il senso: utilizzando cioè l'idea del punto privilegiato di osservazione come uno strumento per l'osservazione del paesaggio.



https://it.sp-a.xyz/portfolio/panopticon









bottom of page